Sabato 16 dicembre – X° Anniversario della libreria con i Wyrd Wail

La Libreria Fluttuante fa cifra tonda. Chi l’avrebbe mai detto che una nuvola sarebbe rimasta sospesa così a lungo?
Per festeggiare quest’anno tornano a trovarci i Wyrd Wail, con le loro rivisitazioni di musiche celtiche e tradizionali.
E chissà che qualche danzatore non voglia unirsi per rallegrare ulteriormente la serata…

Alle 18.00 non mancate di sedervi intorno al fuoco insieme a noi. Nel freddo di dicembre, con tanti motivi per festeggiare alle porte, permetteteci di regalarvene uno in più. Venite ad ascoltare canti e passi di tempi lontani.

Non più libri gli diranno come cantano gli eroi,
non più fiabe narreranno ciò che non ha fatto mai
e se notte sarà ancora e il buio riempirà la via
sarà impavido il suo canto, dolce la sua compagnia.

Sabato 11 Novembre – Presentazione Nonaroth

Nonaroth

Angelo Berti è un grande appassionato di letteratura fantasy e negli anni abbiamo imparato a conoscerlo per il suo entusiasmo: che si tratti di rimboccarsi le maniche per scrivere una storia o per commentare quelle altrui, non si tira mai indietro. Era inevitabile che prima o poi la nostra nuvoletta lo ospitasse e siamo felici che questo momento sia arrivato.
Passate a incontrarlo alle 18.30, scoprirete di streghe, assassini e profezie nel nome di Nonaroth.

Persi i ricordi, Aegon è diventato un assassino. La sua vita è tutta nella Foresta delle Ombre, dove depreda e agisce senza scrupoli. Una notte, però, la sua lama si ferma davanti alle iridi bianche di una infante, trovata tra le braccia dell’uomo che ha appena ucciso. Quella piccola è una strega, e del come faccia a saperlo non sembra importargliene nulla. Per lui la bambina significa solo una cosa: oro, e sa già chi glielo darà. Ma Morsy, che non esita a pagare quanto chiesto da Aegon, non è solo un erborista: il suo è un mondo di stregonerie. Di oscure profezie e misteriose divinità. E di gente forse addirittura più pericolosa dello stesso Aegon, che viene convinto a proteggere la bambina per il giusto prezzo. Perché Nonaroth, questo il nome dato alla piccola, non è una semplice strega. E lui non è un semplice assassino. Yana, una guerriera nomade, dovrà assicurarsi che non rinunci all’incarico.
Mentre i ricordi bruciano.

Sabato 13 maggio – Presentazione L’accordo del Diavolo

Luigi Sorrenti è un autore pugliese, con alle spalle romanzi noir davvero molto interessanti. A indicargli la strada per la nostra nuvoletta è stata una nostra lettrice, la stessa che ha portato le sue creazioni alla nostra attenzione.
Questo è il genere di circolo virtuoso che fa davvero bene ai libri e ai lettori. Per farne parte, basta passare a trovarci alle 18.00 e scoprire tutti i misteri de L’accordo del Diavolo.

Poison è un paesino sperduto sul delta del fiume Mississippi. Qui, in un cimitero abbandonato, il bluesman maledetto, Robert Johnson, firma il suo patto col Diavolo. La gloria imperitura in cambio dell’anima. Dieci anni dopo la morte del musicista, alcuni misteriosi omicidi turbano l’apparente tranquillità del paese e quasi contemporaneamente la Strada che porta al vecchio cimitero diviene teatro di tragici incidenti automobilistici. Nessuno sembra conoscere la causa del male che aleggia su Poison. Si narra di un’ombra scura che si muove inquieta fra le lapidi del cimitero, di un’armonica che nel silenzio della notte fa udire il suo canto.

Fra dubbi e incertezze, indagini serrate e vecchie leggende, fra il terrore vischioso e tetro per un inafferrabile assassino e quello, per molti versi peggiore, di una Strada maledetta, si muovono tre ragazzi, tre amici, tre fratelli. Sono Remo, Leo e Flora, i protagonisti di una storia che parla d’amore e di morte, di esistenze dannate, di anime perse e infelici, della vita che scorre fra sofferenze e inganni e di tutto ciò che ha a che fare con la musica blues. Solo molti anni dopo, ormai anziani e quasi decrepiti, la verità sulle morti che hanno segnato per sempre le loro vite, quella di Poison e di tutti i suoi abitanti, verrà a galla nella sua perversa tragicità.

Sabato 18 marzo – Presentazione Uprising

Uprising

L’appuntamento è per le 18.00, in compagnia di Michela Ravasio, giovane autrice bergamasca che ha esordito con il romanzo steampunk Uprising. Una branca del fantastico ben precisa, tra ucronia e sbuffi di vapore, per intrigare gli appassionati e incuriosire tutti gli altri.

Cosa sarebbe successo se la storia non avesse seguito il corso che noi conosciamo? E se l’impero britannico, anziché coesistere con le potenze mondiali, si fosse ingrandito, inglobandole, e avesse esteso i suoi confini fino… alla Luna?
Nell’anno zero, l’ammiraglio Nightingale giunge su Selḗnē, ampliando l’orizzonte umano in modo impensabile e porta alla scoperta del sèlas e di un nuovo popolo. Dopo quella eroica impresa tutti i ragazzi del regno sognano di poter emulare le gesta del grande conquistatore, ma solo in pochi potranno farlo. Fra questi i cadetti della Queen Cyrene’s Royal Naval Academy che, ogni anno, affrontano un viaggio verso le terre seleniche a bordo di un galeone spaziale, pronti a entrare a far parte della marina.
In occasione dell’ultimo semestre Cyril, Isaac e D4n3 si ritroveranno a far parte della stessa squadra per raggiungere le colonie seleniche a bordo della Hecate. Se all’inizio le differenze fra loro porteranno a scontri, la Fatalità Universale gli riserverà un’amara sorpresa che li porterà a essere sempre più uniti per affrontare un destino avverso.

Sabato 17 dicembre – IX° Anniversario della libreria. Le storie dei Lingalad e non solo.

Featured Video Play Icon

Giuseppe Festa

Dici anniversario della Libreria Fluttuante e pensi ai racconti dei Lingalad; dici Lingalad e pensi ai romanzi del nostro Giuseppe Festa; dici Il passaggio dell’orso, L’ombra del gattopardo oppure La luna è dei lupi e pensi a tante altre storie. Com’è inevitabile e giusto che sia, perché quando si tratta di libri una parola tira l’altra e i pensieri volano liberi.

Alle 18.00 venite a intrecciare ghirlande di fiabe e storie con noi. Potreste trovare un filo rosso che vi conduca a un regalo o a una nuova lettura, potreste scoprire come la brina incorona le foglie per il miglior Natale possibile.

Ai lupi sfuggiva il motivo per cui l’uomo dovesse dividere la terra in quel modo. E dire che i lupi adoravano marciare: lentamente, al trotto, al galoppo. Non c’era attività più bella, per loro. Li faceva sentire uniti, forse ancor più che nella caccia. Quando marciavano in fila indiana erano un flusso armonico di muscoli e tendini. La loro corsa era disciplinata, compatta, elastica. I movimenti verticali del corpo quasi assenti, sembravano scivolare sul terreno come pattinatori sul ghiaccio.

Sabato 26 novembre – Presentazione di Le lettere del destino

Le lettere del destino

Alle 18.00 incontriamo Chiara Personeni, giovane autrice bergamasca e laureata in Scienze Infermieristiche, per parlare del suo primo romanzo: Le lettere del destino. Una storia dove a prima vista la ragnatela invisibile del Fato sembrerebbe punire Andrea, il protagonista, quando in realtà lo sta mettendo alla prova. Come del resto capita a tutti noi.

Il destino sembra aver scritto per Andrea Zalando pagine cariche di dolore: cresciuto senza un padre, perde crudelmente a quattro anni la madre, suo unico riferimento. Andato a vivere coi nonni, subirà continui soprusi e maltrattamenti. Neanche le famiglie cui sarà affidato in seguito saranno in grado di aiutarlo, anzi contribuiranno a emarginarlo nella sua solitudine e a rendere il suo fardello ancora più pesante. Determinato a inseguire il suo sogno e a mantener fede a una promessa fatta, il giovane e brillante Andrea riceverà in dono dalla vita una sorpresa inaspettata: l’amore. Sarà infatti grazie alla presenza e al sostegno dell’esuberante e vivace Giada, che il protagonista riuscirà finalmente, non senza difficoltà, a far luce sulle oscure e intricate vicende che portarono alla morte della madre in quella tragica e lontana notte di Natale, riappacificandosi così col suo violento passato di sofferenze e privazioni.